mercoledì 17 febbraio 2010

13

rollè di tacchino con ortiche e pancetta



dopo gli esperimenti con le ortiche nella preparazione dei primi piatti , ho voluto cimentarmi in quelle a base di carne.
ho optato per la carne bianca, la mia preferita, per l'esattezza il tacchino, dal sapore abbastanza neutro, che non copre quello dell'ortica.

occorrenti per 4 persone
un pezzo intero di petto di tacchina, compreso di pelle ( circa 600 gr)*
un etto di pancetta arrotolata piuttosto grassa, a fette sottili
un mazzetto di foglie d'ortica fresche, lavate e asciugate
1 spicchio d'aglio
2 bacche di ginepro
2 chiodi di garofano
olio
sale
1 bicchiere di vino bianco secco ( io ho usato il Nasco di cagliari, molto aromatico)

battere leggermente la carne col batticarne, per appiattirla, stando attenti a non rovinare la pelle.
stendere sulla carne uno strato di fettine di pancetta e in mezzo il mazzetto di foglie d'ortica.
arrotolare e legare strettamente la carne con spago da cucina, facendo in modo che il rollè risulti interamente racchiuso dentro la pelle del tacchino.
rosolarlo ora in pentola a pressione, con un generoso giro d'olio, rigirandolo spesso perchè colorisca in modo uniforme, senza bucare la pelle.
aggiungere lo spicchio d'aglio e le spezie , il sale e quindi sfumarlo con il bicchiere di vino bianco.
chiudere la pentola, e dal fischio far cuocere per 30 minuti a fiamma bassissima.
a fine cottura sfiatare la pentola, estrarre la carne, levare lo spago e affettarla ( fette di circa mezzo centimetro).
disporla su un piatto da portata precedentemente scaldato e irrorarla col fondo di cottura della carne passato al setaccio.
servire ben caldo.

* se non avete a disposizione un pezzo di petto con la pelle, potete fasciare il rollè con altre fette di pancetta, diminuendo la quantità di sale in cottura.


l'ortica regala alla carne un che di piccantino piacevolissimo, la pancetta aggiunge quel filo di grasso e di sapore di cui la carne di tacchino è povera: l'insieme è decisamente gradevole.

13 commenti:

  1. Buonissima e davvero ricercata questa ricetta! gustosa ed elegante! bravissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Moooolto interessante questa ricetta :D Le ortiche abbinate al tacchino devono rendere il piatto davvero gustoso.
    Complimenti cara, buona giornata :-*

    RispondiElimina
  3. guarda, mi sono appositamente informata perchè le tue ricette con le ortiche le devo assolutamente provare. Il mio "contadino" di fiducia dice che ora a roma non è il momento ma appena arriva a primavera me le fa trovare. speriamo presto...

    RispondiElimina
  4. posso passare??? ne prendo un po' per pranzo...;D

    RispondiElimina
  5. Gustoso e saporito questo rollé, ottimo anche l'accostamento con le ortiche! Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ecco, se penso che da piccola ci son cascata in un cespuglio di ortica...però che buono deve essere! Ti confido che anche a me piace la carne bianca.E poi dicono che il tacchino non sa di niente!
    Non per te! :-)
    Squisita.

    RispondiElimina
  7. Super invitante questo piatto! Devo solo trovare le ortiche e mi metto al lavoro, la carne bianca piace moltissimo anche a me! Complimenti:)

    RispondiElimina
  8. gustoso e saporito!! complimenti!!

    RispondiElimina
  9. grazie, grazie a tutti, la mia piantagione prospera e io devo smaltirla, percui mi inventerò ancora qualcosa... :)

    simo, com'è che non mi meraviglio che ci sei cascata dentro, al cespuglio? :))
    credo che ognuno di noi possa vantare, almeno una volta nella vita, una pizzicata di ortiche al fondoschiena... basta pensare alle pipì fatte in camporella, durante le gite fuoriporta =)) =)) =))

    RispondiElimina
  10. secondo me riuscirai a farci anche il dolce alle ortiche ;)!

    RispondiElimina
  11. iana,
    io per principio non dico mai... chissà, magari ci provo :D

    RispondiElimina
  12. Mi piace questa ricetta...e pure la pasta.... per l'uso delle "erbe selvatiche" dagli asparagi all'ortica...una cucina che amo molto!
    brava!
    bel blog!
    ciaoo!;)

    Terry

    RispondiElimina
  13. terry,
    grazie! ho visto sul tuo blog (bello e molto interessante, complimenti!) che utilizzi tanti vegetali poco noti. io sto provando ad utilizzare ciò che cresce spontaneo nel mio giardino, e che per millenni immagino abbia sfamato i nostri predecessori. una bella ( e finora molto gustosa) sfida :D

    RispondiElimina

lascia la tua perla di saggezza: aggiungi un minicroissant.

Blog Widget by LinkWithin