sabato 27 marzo 2010

18

tortelli o raviole?



chi li chiama in un modo, chi nell'altro, queste mezzelune di frolla tipiche della tradizione romagnola ( o emiliana?) ripiene generalmente di marmellata, o di crema di nocciole, ma anche di crema pasticcera.

infatti se per byte64 sono tortelli, per elena sono raviole. e probabilmente le mie/miei non sono nè l'uno nè l'altro ;)

la frolla l'ho preparata con la mia solita ricetta

300 gr farina 00
150 gr burro
120 zucchero
1 uovo
1 cucchiaino lievito per dolci in polvere
1 pizzico sale
scorza di limone grattugiata
1 bustina vanillina
1 cucchiaio marsala secco

impastati velocemente tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria con la frusta kappa, poi fatta una palla con l'impasto e messa a riposare per una mezzora in frigo.

per il ripieno
crema mou fatta in casa
formaggio fresco spalmabile (tipo philadelphia)

innanzi tutto, il giorno prima di fare i biscotti preparo la mou, una sorta di dulce de leche ( io e le ricette originali non ci incrociamo spessissimo :) che preparo così:
in una pentola d'acciaio inox, dai bordi alti e di buon spessore, faccio sobbollire per un'ora e passa ( finchè si riduce ad un terzo circa) un litro di latte con 330 gr di zucchero.
invaso il liquido di un bel color paglierino in due barattoli da marmellata con la chiusura a capsula, poi li metto in pentola a pressione, avvolti in canovacci da cucina.
riempio la pentola d'acqua fin sotto al bordo dei barattoli, quindi la porto in pressione e faccio cuocere per 45 minuti dal fischio.
lascio raffreddare i barattoli nell'acqua, quindi li apro, cercando di non mangiare tutta la crema a cucchiaiate seduta stante ( il passaggio più difficile di tutta la preparazione...)

a questo punto posso preparare i tortelli/raviole.
stendo la frolla a mezzo cm di spessore.
con questi attrezzini qui taglio i dischi di pasta, li posiziono nell'incavo apposito, farcisco con un cucchiaino di formaggio e uno di mou, poi li sigillo serrando le due metà del copparavioli. io ho usato la misura intermedia.

quando ho terminato di formare i dolci, posizionandoli man mano ben distanziati fra loro su una teglia ricoperta di cartaforno, li inforno a 170/180 ° fino a che saranno ben gonfi e dorati.
li faccio sfreddare su una gratella, e infine li servo spolverati di zucchero a velo.

buonissimi!

18 commenti:

  1. io dico che l'importante è la sostanza :D aldilà del nome! :-p
    bravissima.
    Buon w.e.

    RispondiElimina
  2. emiliana doc a rapporto ;) per noi, qua, tortelli ;) anche se capita di sentire "raviole dolci"

    ciao Luxiedda ;) scusa se ho preso a prestito il soprannome che usa @nn@, ma mi piace troppo ;)

    Serena

    RispondiElimina
  3. Anch'io ho quelle formine!!! ^_^
    Io non riuscirei neanche a pronunciare la prima consonante...la foga di gustare queste chikkette è troppa!
    baci

    RispondiElimina
  4. Che dolcetti deliziosi e invitanti! Baci

    RispondiElimina
  5. Saranno sicuramente golosissimi.....segno subito questa fantastica ricetta, mi piace troppo ;)
    Baci :)

    RispondiElimina
  6. Guarda, il nome e' secondario per quel che mi riguarda...quello che mi fa impazzire e' il pensiero del philadelphia con il mou!!! un abbinamento da stare svegli la notte!!
    Ed ora come faccio che fino a giovedi' non posso andare a far la spesa ed ho finito la scorta di philadelphia???
    Sei un genio :-*

    RispondiElimina
  7. Buoni i tortelli, sì a Modena li chiamiamo tortelli!
    Anche io li faccio ma fritti, al forno non ho mai provato sicuramente sono più dietetici. Comunque molto molto buoni!!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Chiamali pure come vuoi...resta il fatto che sono BBBBBOOOOONIIIIIIIII/EEEEEEEEEEEE !
    Mamma che accoppiata il mou col Philadelphia :D
    Baci, buona domenica :X

    RispondiElimina
  9. direi delizie... ti piace il nome? ...le proverò

    RispondiElimina
  10. Che belle le formine, sembra che ridano. Wella

    RispondiElimina
  11. Ciao! buonissime queste raviole! Non le ocnoscevamo come ricetta, ma certo i ripini possibili sono uno meglio dell'altro!
    baci baci

    RispondiElimina
  12. Sai che io questi attrezzi non li avevo ma visti? Vabbè ma io non faccio testo...
    'Sti tortelli raviolati sono fantastici!! :))

    RispondiElimina
  13. Fantastici!!
    Io le trovo facilmente quelle formine, servono per fare gyosa (ravioli cinesi), ma non pensavo che si potessero usare anche per i dolci :))
    Kiss

    OT. se entro con Google chrome tutto bene, con Mozilla Firefox continua quel problema.

    RispondiElimina
  14. chiamali come ti pare, basta che me ne mandi uno alla crema di nocciole e uno al mou! ;PPP
    baci! ale

    RispondiElimina
  15. Mai assaggiate ma diciamo che l'ultimo dei miei problemi sarebbe qual è il loro nome :-)))

    RispondiElimina
  16. Con la crema mou!!! Idea geniale, devono essere super golosi!!!! sai che non ci ho mai provato?

    RispondiElimina
  17. Lux,
    qua bisogna trovargli un nome appropriato, che so le lucille o le luxureggianti, anche perché se uno arriva a Modena dopo aver mangiato queste, i tortelli alla marmellata li tira in mezzo alla fronte del fornaio :-D

    RispondiElimina
  18. simo, tortelli raviolati è un compromesso accettabile, i miei hanno capito che era roba commestibile, non e non sono stati lì a chiedere il nome prima dell'assalto!

    byte, le luxureggianti =)) =)) =)) sa di radioattivo!


    araba, siamo già a lunedì, meno 3 gg e poi provi l'esperimento ;)

    sere, grazie, luxiedda va benissimo ;)

    anna, il consorte informatico dice che il problema non dipende da me, ma può essere o del tuo antivirus, o di blogger :(

    visto che la mia farcia piace, ho deciso di svelare il famoso segreto di pulcinella: la ricetta del mio personalissimo mou :) =)) =)) =))

    RispondiElimina

lascia la tua perla di saggezza: aggiungi un minicroissant.

Blog Widget by LinkWithin