venerdì 11 febbraio 2011

11

costeddas de parara: focaccine dolci campidanesi con caffè e frutta secca


questi profumatissimi e deliziosi dolcetti della tradizione campidanese si preparavano generalmente in occasione delle feste, pasqua e natale, oppure in occasionie di ricorrenze particolari, quali nascite, matrimoni, insieme a tutti gli altri dolci tipici sardi.
come questi, oramai li si trova in commercio durante tutto l'anno, e ovviamente la ricetta varia di paese in paese, ma anche di famiglia in famiglia.
questa è la mia.

ingredienti

250 gr farina
250 gr mandorle pelate
150 gr uva passa
50 gr gherigli di noce tritati
100 gr zucchero
1 cucchiaino lievito in polvere
1 pizzico sale
1 punta di cucchiaino noce moscata in polvere
1 cucchiaino cannella in polvere
caffè q.b.

per la glassa
1 tazzina caffè ristretto
1 tazzina colma di zucchero a velo
un cucchiaio di nutella (facoltativo)


tostare leggermente le mandorle; potete farlo anche nel forno a microonde con funzione combinata micro+grill, massima potenza per 5 minuti.
una volta raffreddate tritatele grossolanamente in un mortaio o nel mixer.
in una ciotola mettete tutti gli ingredienti, mischiateli con cura, poi impastate tutto con caffè freddo tanto quanto necessario ad ottenere un impasto lavorabile e non troppo appiccicoso.
aiutandovi con un po' di farina, stendete l'impasto su un piano, livellandolo con il mattarello a un cm scarso di spessore.
con un coltello ricavatene dei rombi che disporrete su una teglia foderata con cartaforno.
infornate a 180° per una decina di minuti.
procedete alla preparazione della glassa portando ad ebollizione il caffè, versatelo sullo zucchero a velo, mescolando fino al completo scioglimento.
se desiderate una glassa più densa e "cioccolatosa" aggiungete anche un cucchiaio di nutella.
con questa glassa spennellate le focaccine disposte su una gratella per dolci.
a piacere spolverate di confettini colorati.
lasciatele asciugare bene prima di servirle o conservarle.



11 commenti:

  1. Non avevo mai sentito parlare di questi dolcetti. Non so perchè ma l'ultima foto mi dice che siano deliziosi ;)

    RispondiElimina
  2. e sono pure Vegani!
    Sei un genio! Ho tutti gli ingredienti in casa oggi li faccio
    ciao,buona giornata :-)

    RispondiElimina
  3. Che buoni, mi tentano anche se sono a dieta!!
    Ho tutti gli ingredienti, li faccio per i bambini. Grazie mille Luxus! Wella

    RispondiElimina
  4. Non li conoscevo per nulla, e devo dire che mi attirano non poco...

    RispondiElimina
  5. non le conoscevo pero devo dire che l'aspetto è favoloso!!!
    baci imma


    Anno nuovo e contest nuovo per Dolci a gogo!!In collaborazione con Le Creuset, il mio blog ha organizzato un contest "Tutto in cocotte". Tra tutte le ricette partecipanti sarà scelta la più meritevole premiata con 4 cocotte Le Creuset.
    Per altre informazioni corri a leggere il post.
    Ti aspetto
    Baci Imma

    RispondiElimina
  6. Mai visiti o sentiti.Mi sembrano buonissimi e mi ricordono vagamente un tipo di pabassinas.
    Le provero'!
    Un bacione

    RispondiElimina
  7. ils sont à croquer et bien gourmands
    bonne soirée

    RispondiElimina
  8. uelaaaa! quasi mi perdevo il tuo ritorno in cucina! ;)
    bentornata! ( e oltretutto con una bella ricettina tradizionale!)
    bacione, alessandra

    RispondiElimina
  9. grazie a tutte.
    il dolce in questione è buono almeno quanto calorico, con tutta quella frutta secca! e avrà sicuramente qualche altro nome a seconda della località di provenienza, come per esempio dalle mie parti le pabassinas sono di forma conica, impastate con la sapa (mosto cotto), non cotte ma lasciate asciugare per giorni e infine glassate.
    ;)

    RispondiElimina
  10. Questi proprio non li conoscevo!

    RispondiElimina
  11. e meno male che stiamo vicine... :)))

    RispondiElimina

lascia la tua perla di saggezza: aggiungi un minicroissant.

Blog Widget by LinkWithin